homemusicatestivideobandbiolive
CONTATTILINKSSCARICARENANERA su AMAZONRENANERA Facebook page

testi album «Vento di terra, vento di mare»

VENTO DI TERRA, VENTO DI MARE

STAGIUIN

CREUZA DE MA - NA STRADA MIEZZO O MARE

NU SUONNO 'E CARTONE

UNA MINIERA

SALVACE STA TERRA

FACCIA DI CANE

HATTA MAMMONA

QUELLA CAREZZA DELLA SERA

QUANTE BOTTE

 

Vento di terra, vento di mare

(V.De Scalzi - edizioni Look Studio)

Marta cammina lenta mentre scende giù
e mette un piede dopo l’altro per non scivolare
oggi c’è un po’ di vento che viene dal mare
e la sua pancia sembra il mondo che sta per scoppiare
e lì vicino a lei tenendole le mani
Alì la segue piano è ancora buio
ma fra un po’ sarà domani.
Lui pensa a un figlio che è la sua continuazione
in una terra terra che non è la sua destinazione
che senza identità non c’è la libertà
che senza un’altra sigaretta non ce la farà.
Intanto spera che la Gina legga il suo messaggio
e faccia nascere stanotte senza tanti “ma”
il figlio del coraggio.
Vento di terra vento di mare quanti colori può portare
vento che a furia di soffiare tutti i colori fa mischiare...
Il vecchio smette all’improvviso di guardare il mare
e s’incammina verso casa senza più parlare
con un pensiero nella testa che non può fermare
come un presagio, una visione, una premonizione,
come la voce di un bambino che lo chiama “nonno”
ed il ricordo di sua figlia mentre andava via
che gli ha rubato il sonno.
Vento di terra vento di mare quanti colori può portare
vento che a furia di soffiare tutti i colori fa mischiare...

 

TORNA SU



Stagiuin

(Pivio/A. De Scalzi/A.DiMarco - edizioni CAM)

Ghe son stagioin che ti
ti no ti peu dormì
e no te vegne mai, no te vegne matin
quande no gh’ è de laou
pa che te manche o sciou
e ti te foe man man sottì
e no ti soe pe chi pregà
de travaggià, de travaggià

Ghe son stagioin che ti
ti no ti peu capì
vegnan che san de sciou, che san de vin
marzo da fa negà
sciopo da fa cagà
vegnian che no ti soe pe chi
che no ti soe pe chi pregà
pe travaggià, pe travaggià

Anche e stagioin da puia
gian comme na reua
e o ma de cheu o stramua
o stramua da ti
mentgre ti caccià a sa
te vegnian a ciammà
che ti te peu imbarcà e ti
sottì sottì comme ‘n ancioa
t’e li che no ti veddi l’oa
de navegà, de navegà

Si sì felice l’at morono
si truov pace nun te voleno
si sient’ fridd te scummogliano
si fai cchiù meglio è meglio che te ne vai

Ghe son stagioin che ti
ti no ti peu dormì
e no te vegne mai, no te vegne matin
quande no gh’ è de laou
pa che te manche o sciou
e ti te foe man man sottì
e no ti soe pe chi pregà
de travaggià, de travaggià

 

TORNA SU



Creûza de mä / Na strada miezzo o mare

(F. De Andrè/M. Pagani/T. De Sio - edizioni Universal Music Pub.)

Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l'è ch'ané

Faccia de mare ca pe mare va
dint’a chella varca addò vuò arrivà
addò la luna ’n cielo se leva a gonna
e ‘a notte c’ha puntato ‘o curtiello ‘ncanna
che ‘ngopp’a ll’asino ce resta dio
’o diavolo s’è miso o posto sujo
turnammo a la riva, a asciuttà ll’ossa d’Andrea
’nterra a la funtana dell’acqua buia

E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l'ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun.

E a 'ste panse veue cose che daià
cose da beie, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae int'u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

Esce ’a barca d’o vino a navigà p’e scogli
dint’a na risata ca c’appiccia ’e voglie
sott’a stu sole c’abbrucia ll’uocchie
frate a sti figliole vestute a schiocche
vino che fai sanghe e lacreme amare
puortace a truvà na strada miezzo ’o mare

 

TORNA SU


Nu suonno 'e cartone

(V.De Scalzi/C.De Rosa/A.Deodati - edizioni Look Studio)

 

damme n’atu poco e tiempo, damme n’ata notte
damme ancon un po' de vento runsime ciú forte


era nu suonno e cartone che s’è affugato int’a l’acqua e’ l’uocchie mie


s’è fatt’ nu viaggio a vacante nun ha truvat’ fatica, né ammore
è arrivato cca cu nient’ int’ e mmane sulo viento
però almeno primma sunnava mo ha perduto persino a speranza
cu na mano arreto, n’ata mano annanz
damme n’atu poco e tiempo, damme n’ata notte

era nu suonno e cartone che s’è affugato int’a l’acqua e’ l’uocchie mie


e in questa barca ca ne fa ninnâ sentimmo forte questo ödô du mâ
che o creuve a spussa de chi sta pe anâ con questo cädo che o ne fa suâ
che se ghe fuise anche un po' ciú de vento
gaviemo o moddo de respiâ chi drento

no ghe son ciu ne zueni, ne vegi in sce questa davza in sciu ma
no ghe son ciu ne foresti, ne frae, ne driti, ne nesci,
solo corpi in scie onde senza identitae

damme n’atu poco e tiempo, damme n’ata notte
damme ancon un po' de vento runsime ciú forte


vuleva salvà i figli suoi d’a fame e d’a disperazione
ma dint’ a sta barca si soffre nun sanno si arriva dimani
primm almeno teneva nu suonno mo ha perduto persino a speranza
cu na mano arreto, n’ata mano annanz
ma in questa barca ca ne fa ninnâ...

era nu suonno e cartone che s’è affugato int’a l’acqua e’ l’uocchie mie

 

TORNA SU



Una miniera

(V.De Scalzi/Di Palo/Dadamo/Reverberi - edizioni Warner Chappel)

[la parte del testo in napoletano è stata composta da Lino Vairetti]

Sti ccase, sti pprete
e stu gravone ca pittava e nir nir nir stu munno
‘O sole nasceva ma je nun ‘o vereva mai
Cca abbasce era scuro
Nisciuno parlava
Sulo ‘o rumore ‘e chesta pala
Ca scava, ca scava, ca scava…

Le case le pietre ed il carbone dipingeva
di nero il mondo
Il sole nasceva ma io non lo vedevo mai
laggiù era buio
Nessuno parlava solo il rumore di una pala
che scava, che scava
Le mani la fronte hanno il sudore di chi muore
Negli occhi nel cuore c’è un vuoto grande più del mare
Ritorna alla mente il viso caro di chi spera
Questa sera come tante in un ritorno.
Tu quando tornavo eri felice
Di rivedere le mie mani
Nere di fumo bianche d’amore.
Ma un’alba più nera mentre il paese si risveglia
Un sordo fragore ferma il respiro di chi è fuori
Paura terrore sul viso caro di chi spera
Questa sera come tante in un ritorno.
Io non ritornavo e tu piangevi
E non poteva il mio sorriso
Togliere il pianto dal tuo bel viso.
Tu quando tornavo eri felice
Di rivedere le mie mani
Nere di fumo bianche d’amore.

Sempe sti ccase, sempe sti pprete
e stu gravone ca pittava e nir nir nir stu munno
‘O sole nasceva ma je nun ‘o vereva
Pecchè cca abbasce è sempre scuro
Scuro scuro scuro scuro scuro scuro comme ‘e a notte
Nisciuno ca parlava, nisciuno murmuriava
Sulo ‘o rumore ‘e chesta pala
Ca scava, ca scava, ca scava… a notte e o juorno, ‘o juorno e a notte
Senza e se fermà, senza e se fermà…

 

TORNA SU


 

Salvace sta terra

(V.De Scalzi/C.De Rosa/A.Deodati - edizioni Look Studio)


ognuno a modo suoj sape na storia
tuccann’ i ccorde sona
e te racconta
o mare ce sta sempe
na barca pure
je mo te dico ‘e n’omm’
curaggius’ pure viecchio
cumbatteva ancora
tutt’ e Saraceni
cacciai fora

nun t’arrennere, nun t’arrennere, nun t’arrennere,

salvace sta terra

nun t’arrennere, nun t’arrennere, nun t’arrennere,


mi son partïo da Zena
pe' vegní a conösce
a gente libera de Ravatan
e go atrouvô di möi
che con e scimitare
ve fävan ballâ
oua sei deneuvo
gente viva e mi torniô
de lá verso a mæ riva
e ciamiô casa mæ con
o meximo nomme da
vostra cittæ
mi sono partïo
da Zena pe' vegní
a combátte un Dio
co no l'amía
manco sõ fræ
e go imparô che i amixi
rendan sempre ciú
de quello che ti dæ
e oua niätri semmo gente amiga...

nun t’arrennere, nun t’arrennere, nun t’arrennere,

salvace sta terra

nun t’arrennere, nun t’arrennere, nun t’arrennere,

 

TORNA SU


Faccia di cane

(V.De Scalzi/A.DeScalzi/Belloni/Di Palo/Belleno/Ferri edizioni Benvenuto/Smilax/Warner Chappel/Hit Rainbow)

Faccia di cane nasce alla stazione
dentro a una barca a forma di vagone
ha già vent’anni ormai
ghiaccio a Natale sopra i marciapiedi
la donna grassa non si tiene in piedi e si fa piccola
la gente ride, ma lui le da una mano e la riporta su
fante di cuori, ormai non ci si crede quasi più.

In questa città vorrei piantarci un faro
per vederci più chiaro
in questa città vorrei trovarci il sale
in questa città che prende a calci un cane
mentre muore di fame
in questa città che affoga senza il mare.

Faccia di cane aveva questa idea
dare ai vagoni forma di galea
speranze all’ancora
ma alla stazione nasce un altro cane
figlio di faccia pressapoco uguale
ha già vent’anni ormai
la gente cade e lui con una mano la ripoRta su
la gente ride con uno schiaffo lui la sbatte giù.

In questa città vorrei piantarci un faro
per vederci più chiaro
in questa città vorrei trovarci il sale
in questa città che prende a calci un cane
mentre muore di fame
in questa città che affoga senza il mare.

TORNA SU


Hatta mammona

(V.De Scalzi/C.De Rosa/A.Deodati - edizioni Rai Com)

inte ‘na neutte d’estæ da ‘n barcon
insci caruggi da Rabatana un figgieu
adescio e curioso o segue l’ombra de ‘n gatto
c’o s’asconde in sci téiti hatt' mammon'

Nella torre dei mille gatti il primo gatto scappò il primo gatto non fu e allora chi fu...

Il secondo gatto, il secondo gatto non fu, e allora chi fu?

il terzo gatto, il terzo gatto non fu e allora chi fu?

Il quarto gatto, il quarto gatto non fu e allora chi fu?

Il quinto gatto, il quinto gatto non fu e allora chi fu?

Il sesto gatto, il sesto gatto non fu eallora chi fu?

L'ottavo gatto, l'ottavo gatto non fu e allora chi fu?

il nono gatto, il non gatto non fu e allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon'

non fu non fu


scùri questo gatto,
pìggia questo gatto
dâgghe di lerfoin
finché o no vègnie bello matto
scùri questo gatto

Nella torre dei mille gatti il primo gatto scappò il primo gatto non fu e allora chi fu...

Il secondo gatto, il secondo gatto non fu, e allora chi fu?

il terzo gatto, il terzo gatto non fu e allora chi fu?

Il quarto gatto, il quarto gatto non fu e allora chi fu?

Il quinto gatto, il quinto gatto non fu e allora chi fu?

Il sesto gatto, il sesto gatto non fu eallora chi fu?

L'ottavo gatto, l'ottavo gatto non fu e allora chi fu?

il nono gatto, il non gatto non fu e allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon'

non fu non fu

 

treuva questo gatto
o no l'è miga un ratto
dàgghe da mangiâ
finché o no vègnie bello grasso
treuva questo gatto

Nella torre dei mille gatti il primo gatto scappò il primo gatto non fu e allora chi fu...

Il secondo gatto, il secondo gatto non fu, e allora chi fu?

il terzo gatto, il terzo gatto non fu e allora chi fu?

Il quarto gatto, il quarto gatto non fu e allora chi fu?

Il quinto gatto, il quinto gatto non fu e allora chi fu?

Il sesto gatto, il sesto gatto non fu eallora chi fu?

L'ottavo gatto, l'ottavo gatto non fu e allora chi fu?

il nono gatto, il non gatto non fu e allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon'

non fu non fu

çerca questo gatto
o saiâ finìo into pozzo
che se no ti fæ fïto
no restiâ mânco ciú n'osso

TORNA SU


 

Quella carezza della sera

(V.De Scalzi/Bardotti/Belloni/Di Palo/Belleno/Dadamo - edizioni Benvenuto/Smilax/Warner Chappel/Hit Rainbow)
[la parte del testo in napoletano è stata composta da Concetta De Rosa]

Quando tornava mio padre sentivo le voci
Dimenticavo i miei giochi e correvo li
Mi nascondevo nell'ombra del grande giardino
E lo sfidavo a cercarci: io sono qui.
Poi mi mettevano a letto finita la cena
Lei mi spegneva la luce ed andava via
Io rimanevo da solo ed avevo paura
Ma non chiedevo a nessuno: rimani un po'.
Non so più il sapore che ha
Quella speranza che sentivo nascere in me.
Non so più se mi manca di più
Quella carezza della sera o quella voglia di avventura
Voglia di andare via di là.
Quelle giornate d'autunno sembravano eterne
[E chiereva ‘a sta mamma addove stiv’ tu]
Quando chiedevo a mia madre dov'eri tu
[E ch’ r’era sto scuro int’all’uocchie tuoje]
Io non capivo cos'era quell'ombra negli occhi
[rimanev’ a pensà ca me manchi ancora]
E cominciavo a pensare: mi manchi tu.
Non so più il sapore che ha
Quella speranza che sentivo nascere in me.
Non so più se mi manca di più
Quella carezza della sera o quella voglia di avventura
Voglia di andare via di là.

 

TORNA SU


Quante botte

(V.De Scalzi/C.De Rosa/A.Deodati)

Quante botte che gh'emmo daeto, quante botte ch'emmo piggiou
Quella neutte de luna pina che ne mancava fina o sciou
Gh'emmo tiou anche de prionnae mentre chinnavan zu dao moe
Criavan parolle mai sentïe co' e scimitare davanti ao coeu
E lì davanti a o mâ ghe son arestou de pria
E in mezo a quello sangue ho smisso de criâ
Me son inzenuggiou e li da casa mae ho comensou a pregâ
E amiandoli in ti euggi g'ho domandou coscì
De donde ne vegni ouriae in davvei scrovì
Se gh'e' dela da o ma in dio cosci incassou che o no se poe ferma
Quant’ botte c’amm’ rat, quant’ bott’ amm’ pigliat’
Chella notte e luna chiena ci mancava pur u fiat’
Amm’ jettat’ pur’ i pprete mentre stiano int’ u porto
E gr’ravan’ n’ata lengua e chi spade parianu fort’
E pur’ nui cca nderra (e anche nialtri chi)
Amm’acchiappat’ i bott’ (emmo pigiou de botte)
Ma nun t’nev’nome (nu gaiva mancu il nome)
Stu dio chella notte (stu dio de quella neutte)
Chiammann’l’ e pr’gann’ e si chiangia fort’ a nui nun ce sentìa
Però sacc’ sicur (però stanni seguo)
Ca pur’ int’è paure (che anche in te nostre puie)
Nui simm tal’ e qual’ (se sumigemmo za)
Scacciamm fora u mal’ (cacemmo foea o ma)
Nun simm’ assaje luntan’ nui simm’ frat e cor’, nui cu stu sang’ mist’
Quant’ botte c’amm’ rat, quant’ bott’ amm’ pigliat’
Chella notte e luna chiena ci mancava pur u fiat’
Gh'emmo tiou anche de prionnae mentre chinnavan zu dao moe
Criavan parolle mai sentïe co' e scimitare davanti ao coeu
E gh'ea anche mae moa (e n’gera mamma mia)
Co o bacco da spasuia (c’u manicu d’a scopa)
Mae poae o piccava forte (papà m’nava forte)
Mi g'aivo tanta puia (e m’ venìa paura)
Mmae frae o corriva lesto che a mi
O me paiva un gatto con quelli chen derre
E mi m'amiavo in gio (e m’ guardav’ attuorno)
Davanti a tanto ma (annaz’ a tanto mal’)
E mi sercavo Dio chi no gh'ea manco Allah
Quant’ botte c’amm’ rat, quant’ bott’ amm’ pigliat’
Chella notte e luna chiena ci mancava pur u fiat’
Quante botte che gh'emmo daeto, quante botte ch'emmo piggiou
Quante botte che gh'emmo daeto ma mi da solo ghe son arestou

 

TORNA SU


© 2012-2020 T.S.A. Total Sounding Area - All rights reserved.
T.S.A. Total Sounding Area di Antonio Deodati via E. Toti 17 - 85042 Lagonegro (PZ) - P.Iva 01377570765 - D.I. iscritta all' Albo Artigiani di PZ 38097 c/o l'ufficio del registro di Lagonegro - il titolare è anche il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD)

www.totalsoundingarea.com