homemusicatestivideobandbiolive
CONTATTILINKSSCARICANEGOZIORENANERA Facebook page

 

testi album «TROPPO SUD»

CUP' CUP'

NU BALL' PE' SUNNA'

NONNA NO'

TATA CA MORU

HATTA MAMMONA

CORE

LU PISCE SPADA

TROPPO SUD

ROSA CANTA E CUNTA

 

ascolta questo album su

MP3 download

- YouTube MUSIC -

 

CUP' CUP'

(Canto della tradizione popolare lucana - adattamento melodico di Antonio Deodati)


Egg’ saput‘ ch’ej accis‘ u porc’
Damm’ na fell‘ d’ ssu vuccuer‘
S’ m‘ n’ dej picc‘ nun n’ voggh‘
S’ m‘ n’ dej assej m’ lu piggh‘
Egg cantet’ da sutt‘ a na cannizz’
Stenn‘ a men’ e piggh‘ u sav’zizz’
Egg cantet a supa a nu z'ppone
C'a cumba cicc u voggh v'dè barone
Egg‘ cantet’ a supra a na furcin‘
Ca a z’a maria a voggh’ v’dè reggina
Agg cantet a sup'a nu t'mbon
Piscia la gatta e stuta lu t'zzone
Niv'r è u ciel' e chiare sun’ i stelle
Vui sonator facit na tarantella

U cup cup meio è maet' vod u savizizz vod a suprset
U cup cup è maet' vod u savizizz vod a suprset
cup cup cup cup
U cup cup è maet' vod u savizizz vod a suprset
U cup cup meio è maet'

 

TORNA SU


NU BALL' PE' SUNNA'

(C.De Rosa-E.Truncellito -A.Deodati)

 

Sole ca nasce e luna ca more
Nun c’è mumento ca vive st’ammore
Quanno fa friddo sent stu core
Ca dorme a notte e sonna st’ammore

Je scumpar rint’o mare
E provo ancora e’ t’afferrà
Ma chesta luce ca arape o core
Nun m’è permesso e’ l’abbraccià


Sole e luna, core e core
 Abballanno pe’ st’ammore
Sole e luna, man’ e man’
È nu ballo pe’ sunnà
Sole e luna, core e core
 Abballanno pe’ st’ammore
Sole e luna, man’ e man’
È nu ballo pe’ sunnà


Ma chesta luce ca arape o core
Nun m’è permesso e’ l’abbraccià

Quanno fa friddo sent stu core
Ca dorme a notte e sonna st’ammore


Ma sta danza senza voce
È na passione ca fa cantà
Nu raggio e sole inta na storia
Na storia antica ca fa suspirà

Si nu mumento fermass’ sta terra
Je t’ putess inta ‘a luce guardà
E t’ ricess’ ca pur’ a luna
Ten’ nu core ca chiagne pe te


Sole e luna, core e core
Abballanno pe’ st’ammore
Sole e luna, man’ e man’
È nu ballo pe’ sunnà
Sole e luna, core e core
 Abballanno pe’ st’ammore
Sole e luna, man’ e man’
È nu ballo pe’ sunnà

E t’ ricess’ ca pur’ a luna
Ten’ nu core ca chiagne pe te

Nu raggio e sole inta na storia
Na storia antica ca fa suspirà

 

TORNA SU


NONNA NO'

(C.De Rosa - A.Deodati)

 

Nonna nonna nonna nunnarell'

o' lup' s'è mangiat' a'a pecurell'

Nonna nonna, nonna chi è stat?

stev' rurmenn' e m' l'hann sc'tat'

 

A no tu gia’ o sapiv si me piacev o no
Si pur nun mangiav nun m’alluccav no
Chiagnev o nun chiane tu riciv
Ca l’uocchie comm e stelli e tenev
A chillu piett ruoss m’astrigniv
E a nott rint o suonn nun tremmav cchiu
Ie nun tremmav cchiu

A no’ quann chiagniv ie me crerev ca
Si nu vas te rev tu stiv bon gia’
Pecche t’accuntentav e na carezz
Si pur t’aiuttiv l’amarezz
Faciv pur appost ca reriv
E aret o cor o mmal annascunniv tu

A no te ne se gghiutnsenza me saluta’
Pero’ l’er capit me n’accurgett gia’
Je te sentett a voce vellutat
Me ne addunaie co tiemp er passat
È stat a malatia ca s’arrubbat
Chill’urdeme filille e voce vellutat
Chi so scord chiu,chi so scord chiu…

 

TORNA SU


TATA CA MORU

(canto della tradizione calabrese)

 

Tata ‘ca moru, ‘ca moru, ‘ca moru,
‘ppi na gulia ‘nta l’ortu ci stà.
 Figghia vulissi na mulingiana,
Ca vavu a l’ortu e t’a vavu a pigghià.

Hoi quant’è ciotu su tata meiu, ca nun canuscia ‘ssa malatia.
Hoi quant’è ciotu su tata meiu, ca nun canuscia ‘ssa malatia.

Tata ‘ca moru, ‘ca moru, ‘ca moru,
‘ppi na gulia ‘nta l’ortu ci stà.
 Figghia vulissi na cuccuzzeddra,
Ca vavu a l’ortu e t’a vavu a pigghià.

Hoi quant’è ciotu su tata meiu, ca nun canuscia ‘ssa malatia.
Hoi quant’è ciotu su tata meiu, ca nun canuscia ‘ssa malatia.

Tata ‘ca moru, ‘ca moru, ‘ca moru,
‘ppi na gulia ‘nta l’ortu ci stà.
 Figghia vulissi na piparedda,
Ca vavu a l’ortu e t’a vavu a pigghià.

Hoi quant’è ciotu su tata meiu, ca nun canuscia ‘ssa malatia.
Hoi quant’è ciotu su tata meiu, ca nun canuscia ‘ssa malatia.

Tata ‘ca moru, ‘ca moru, ‘ca moru,
‘ppi na gulia ‘nta l’ortu ci stà.
 Figghia vulissi l’ortulaneddru
Vavu ‘nta l’ortu e tu vavu a chiamà.

Hoi quant’è spiertu su tata meiu, ca canusciutu ‘ssa malatia.
Hoi quant’è spiertu su tata meiu, ca canusciutu ‘ssa malatia.

 

TORNA SU


HATTA MAMMONA

(Antonio Infantino - Dodi Moscati)

In una notte d'estate, da una finestra nei vicoli dell'Arabatana

un bimbo sveglio e curioso segue l'ombra di un gatto che si nasconde sui tetti

 

Nella torre dei mille gatti il primo gatto scappò il primo gatto non fu e allora chi fu...

Il secondo gatto, il secondo gatto non fu, e allora chi fu?

il terzo gatto, il terzo gatto non fu e allora chi fu?

Il quarto gatto, il quarto gatto non fu e allora chi fu?

Il quinto gatto, il quinto gatto non fu e allora chi fu?

Il sesto gatto, il sesto gatto non fu eallora chi fu?

L'ottavo gatto, l'ottavo gatto non fu e allora chi fu?

il nono gatto, il non gatto non fu e allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

E allora chi fu?

Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon', Hatt' Mammon'

non fu non fu

 

TORNA SU


CORE

(C.De Rosa-E.Truncellito-A.Deodati)

 

Sana sana muligna piglia o core cant’ ccà
Sana sana muligna prima o poi t‘ passerrà.
O core passarrà, o core è passat’, o core.
O core passarrà, o core è passat’, o core.

Nun t‘ preoccupà che ogni caruta è na risata
Pensa finchè camp’ tutti i vvote t‘ puoi aizà
Vott ncuorp comm’ si faciss‘ na mangiata
Cu sta mulignana tutt’ o juorn amma campà
Cu sta mulignana tutt’ o juorn amma campà

 

TORNA SU


LU PISCE SPADA

(Domenico Modugno)



Dda' è, dda' è,
lu vitti, lu vitti, lu vitti, piglia la fiocina, uccidilu,
uccidilu, uccidilu, uccidilu, ahhh!

E pigliaru la fimminedda, drittu drittu 'n tra lu cori,
e chiangia di duluri ohi ohi ohi ahiai.

E la varca la strascinava e lu sangu ci curriva,
e lu masculu chiangiva, ohi ohi ohi ahiai.

E lu masculu paria 'mpazzutu...
... cci dicia 
"Bedda mia nun chiangiri, bedda mia nun chiangiri
dimmi a tia chi haiu afari".

Rispunnia la fimminedda, cu nu filu, filu e vuci:
"Scappa, scappa amuri miu,
ca sinnò t'accidinu!"

No', no', no', no', no', amuri miu,
si tu mori vogliu muriri
'nsemi a tia, si tu' mori amuri miu
vogliu muriri.

Cu un sartu si truvau cu issa
cucchiu cucchiu, cori a cori 
e accussì finiu l'amuri di du' pisci sfurtunati.

TORNA SU


TROPPO SUD

(M.Deodati-P.Grezzi-A.Deodati)

 

Apro quel libro nero che
Tenevi tra i capelli
Sulla tua pelle bruna c’è
Odore di coriandolo
E vanità

Sono rimasto solo io
Non guardo neanche il viale
Le voci e le comari che
M'inseguono insaziabili

Eh, chell' ca ng'era nun c'è
Ascolta
Eh, chell' ca ng'era nun c'è
C'è troppo sud

Il gelsomino nero che
Bruciava come sale
Ora sei andata via anche tu
Il sole è troppo forte qui
C'è troppo sud

È troppo

Eh chell' ca ng' era nun c'è
Ascolta
Eh chell' ca ng'era nun c'è
È troppo a sud

Il vuoto umido che è in me
Riflette le sue ombre
Mangio dell'uva bruna che
Ricorda quattro estati fa
Quand'eri qua

Lascio le mie orme qui
Ormai soltanto quelle
Si vedono le stelle qui
Ormai soltanto stelle qui
Soltanto qui

C'è troppo sud
C'è troppo sud
Sud
Sud

 (chell' ca ng'era nun
chell' ca ng'era nun
chell' ca ng'era nun
chell' ca ng'era nun c'è)

 

TORNA SU


ROSA CANTA E CUNTA

(Rosa Balistreri)

 

Stasira vaju e curru cu lu ventu
a grapiri li porti di la storia.
Stasira vogliu dari p'un mumentu
la vita a lu passatu i a la memoria.
Stasira cu la vampa di l'amuri
scavu na fossa, na fossa a lu duluri.

C'è chiù duluri, c'è chiù turmentu
ca gioia e amuri pi l'umanità
Nun è lu chiantu ca cancia lu distinu,
nun è lu scantu ca ferma lu caminu,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri…lu cuntu.

Nuddu binidicì lu me caminu,
mancu la manu nica d'un parrinu
e vaju ancora comu va lu ventu
cercari paci sulu p'un mumentu.
Vogliu spaccari…spaccari li cieli
pì fari chioviri…chioviri amuri.

C'è cu t'inganna, c'è cu cumanna
e cu 'n silenziu mutu si nni sta.
È lu putiri ca nforza li putenti,
è lu silenziu ca ammazza li 'nnuccenti,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, cercu la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri…lu cuntu.

Vinni a stu munnu quannu lu "Voscienza"
si schifiava pi li strati strati.
Tempi d'abbusi, di fami e di guerra
criscivu mmenzu di li malannati.
Lacrimi muti ni chiancivi e quanti,
la me nnuccenza si la sparteru 'n tanti.

La mala genti, li priputenti,
tanti su tanti nni sta sucità.

Nun è l'amuri ca crisci ad ogni banna,
ma lu favuri ca sparti cu cumanna,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri… lu cuntu

 

TORNA SU


© 2012-2021 T.S.A. Total Sounding Area - All rights reserved.
T.S.A. Total Sounding Area di Antonio Deodati via E. Toti 17 - 85042 Lagonegro (PZ) - P.Iva 01377570765 - D.I. iscritta all' Albo Artigiani di PZ 38097 c/o l'ufficio del registro di Lagonegro - il titolare è anche il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD)

www.totalsoundingarea.com